logo sangiacomo

ALLIEVI: SCA ASTI – SAN GIACOMO E ARONA – SAN GIACOMO

A UN PUNTO DALLA SALVEZZA

 

Dopo il pareggio casalingo contro il Baveno, gli allievi 2002 hanno tre partite davanti a loro in cui non sono ammessi errori. Per salvarsi bisogna vincerle tutte, impresa non facile, ma non impossibile visto il ritmo delle ultime gare dei biancazzurri.

La prima è uno scontro diretto, infatti i ragazzi di Berrone giocano tra le mura ostiche dello Sca Asti. L’approccio del primo tempo non è dei migliori e i Leoni rischiano più volte di andare sotto, ma prima Bigliardi si fa trovare prontissimo, poi l’arbitro annulla il vantaggio della squadra di casa.

Nonostante i rischi, Lanza ha comunque una chance in contropiede per portare avanti i suoi, ma al momento del tiro viene anticipato da un difensore.

Il primo tempo termina 0 – 0, ma nella ripresa il San Giacomo cambia completamente marcia e inizia a dominare gli avversari, trovando l’ 1 – 0 in maniera sporca con Scaturro che crossa dalla trequarti, il suo traversone però si trasforma in un tiro che finisce sotto l’incrocio dei pali.

Il vantaggio dà ancora più fiducia ai ragazzi di Berrone che sfiorano il raddoppio ancora con Scaturro ch, dopo una cavalcata di settanta metri, scaraventa il pallone alle stelle solo davanti al portiere. Nel finale il 2003 Scutari la combina grossa e prende una doppia ammonizione nel giro di cinque minuti e lascia il San Giacomo in dieci uomini, che riescono a resistere fino all’ultimo minuto. Ma proprio a tempo scaduto avviene l’evento che cambia la partita: dopo un salvataggio sulla linea di Zurzolo, Bigliardi si fionda in scivolata sul pallone, l’arbitro concede un rigore molto dubbio che lo Sca realizza col suo capitano.

Il San Giacomo viene fermato dall’arbitro proprio quando sembrava aver portato a casa i tre punti e ora serve veramente un miracolo per evitare i play out.

Nel secondo step per raggiungere l’obiettivo stagionale, il San Giacomo ospita l’Arona già retrocesso, contro cui sono obbligatori i tre punti.

I Ragazzi di Berrone partono col piede giusto e dopo pochi minuti D’agostino pennella un cross sulla testa di Lanza, che schiaccia il pallone ma il portiere ospite para coi piedi. Lanza sembra particolarmente ispirato e poco dopo sfiora il vantaggio con un’ottima conclusione da fuori area, su cui l’estremo difensore si supera, togliendo il pallone dall’incrocio dei pali.

Al 20’ i Leoni concretizzano il loro dominio con D’agostino che premia la sovrapposizione di Solaro, il numero 2 dalla linea di fondo serve Diana che deve solo appoggiare in rete. 1 – 0 meritatissimo per il San Giacomo.

Il secondo tempo comincia sulla falsa riga del primo e i padroni di casa macinano una quantità enorme di gioco e al 55’ si riconferma l’intesa sull’asse Solaro-Diana: il terzino mette in mezzo per il numero 9 che controlla di petto e al volo calcia sul primo palo, il portiere non può nulla.

Con il risultato quasi acquisito, il San giacomo si distende e gioca in maniera ancora più spregiudicata e nel giro di pochi minuti sfiora più volte il tris. Prima Natoli con un tiro al volo su cui il portiere ospite si distende e mette in angolo, poi Lanza ancora vicino al gol, ma è ancora protagonista l’estremo difensore dell’Arona, che tiene in piedi la baracca.

Nel finale i ragazzi di Berrone giocano ancora più spensierati e Pagnotta sfiora la gioia personale in seguito a un’azione perfetta: Natoli verticalizza per Lanza che di tacco serve Pagnotta, liberandolo solo davanti al portiere ospite, ma l’attaccante biancazzurro si divora il gol grazie all’ennesima parata del numero 1 ospite.

Nel finale Pagnotta ricambia il favore a Lanza con un cross perfetto sulla testa del numero 7, ma la porta per lui è stregata e si vede salvare la conclusione sulla linea.

La partita finisce 2 – 0 per i padroni di casa, che hanno rispettato le attese conquistando i tre punti. Ora al San Giacomo serve per forza una vittoria sul campo del Borgomanero nell’ultima partita di campionato, sperando che sia Acqui che Cossato non portino a casa i tre punti.

 

Federico Lanza