PRIMA SQUADRA


Promozione, girone D; San Giacomo – Canelli: 1 – 3


APPUNTAMENTO RIMANDATO.

 
Dopo aver vinto l’ultima partita in trasferta contro la capolista Vanchiglia, il Sangiacomo è chiamato all’ultima fatica stagionale contro il Canelli. I ragazzi di Bonello devono assolutamente vincere per poter raggiungere matematicamente la salvezza, senza dover passare dai play-out, e per farlo servirà una prestazione esemplare.

Le 2 squadre si presentano a Fontaneto con le seguenti formazioni:

 

SANGIACOMO CHIERI CANELLI

FORMAZIONI

ZAGO

1

CONTARDO
MEZZELA

2

ISHAAK
CASTIGLIA M.

3

SAVIANO
CASTIGLIA D.

4

VUERICH
CALZOLAI

5

GALLIZIO
RIMEDIO

6

MONASTER
PARRINO

7

GALLO
GOBETTI

8

MONDO
DOSIO

9

EL HARTI
COSOLA

10

MINGOZZI
FEDERICI

11

BAROTTA
BONELLO

Allen.

TOMA

 

La prima occasione ce l’ha il Sangiacomo con Cosala: Dosio crossa sulla testa di Cosola, dopo una serpentina tra gli avversari, ma il numero 10 non impatta bene la palla e non c’entra lo specchio della porta.

Al 25’esce Calzolai per un problema muscolare ed entra Stevenin. Alla mezz’ora arriva la scossa che cambia il match: Gobetti lancia Dosio che brucia un difensore e si invola verso la prota, al momento del tiro, però, viene sgambettato, è rigore!

Dal dischetto batte lo stesso Dosio, che è freddissimo e spiazza il portiere avversario. Sangiacomo in ventaggio.

Per i restanti 15’ non succede altro e il primo tempo finisce 1-0 grazie allo spunto del numero 9 del Sangiacomo.

Appena inizia la seconda metà di gara, i Chieresi risultano subito pericolosi da palla inattiva con Federici che crossa per Castiglia, il quale stoppa e sull’uscita del portiere calcia alto. Al 61’ arriva il prima brivido per la squadra di Bonello in seguito a un calcio d’angolo battuto da Mingozzi, Gallo stacca di testa indirizzando sul primo palo, ma la palla esce di pochissimo. Purtroppo qualche minuto più tardi esce Zago per infortunio e Nebiolo è costretto a dover sostituire anche Federici per Velardita, in modo da ristabilire il numero di giocatori under ’97.

2’ minuti dopo il Sangiacomo rischia di capitolare ancora su un cross di  Macrì, dove Ishaak intercetta in scivolata ma mette a lato. Intanto il subentrato Velardita riparte in contropiede, il numero 16 però si allarga troppo e calcia male da posizione quasi impossibile.

Al 25’ della ripresa arriva l’episodio che cambia la partita; El Harti protegge palla al limite dell’area, entra dentro e viene contrastato da Castiglia, il 9 avversario si lascia cadere e l’arbitro indica il dischetto, concedendo un penalty davvero generoso. Dagli 11 metri va proprio il centravanti del Canelli che calcia molto bene sotto la traversa. Dopo quest’episodio dubbio la partita si incattivisce e un minuto più tardi Rimedio e Mondo vanno testa a testa, l’arbitro li espelle entrambi. Si gioca 10 contro 10.

Il Sangiacomo subisce il contraccolpo è rischia di andare subito in svantaggio: sempre El Harti porta palla sulla fascia e di tacco appoggia a Troni, che si ritrova davanti a Nebiolo, ma calcia sul portiere. Al 40’ torna pericoloso il Sangiacomo con Dosio, che viene servito da Parrino.

Nei minuti finali arriva la doppia beffa per la squadra di casa:

La prima con El Harti che parte in contropiede e allarga per Troni, che crossa preciso per Mingozzi, e il 10 del Canelli indisturbato insacca a porta sguarnita; la seconda nei minuti di recupero, sempre in contropiede, El Harti si invola sulla fascia sinistra da solo verso la porta di Nebiolo, arriva a tu per tu col portiere e incrocia benissimo sul secondo palo. 3-1 per gli ospiti.

Risultato troppo pesante per il Sangiacomo, rispetto a quanto visto in campo, ma la squadra di casa nel secondo tempo ha arretrato troppo il baricentro e ha subito il ritorno del Canelli, nello scontro diretto per la salvezza.

Prossimo impegno, fondamentale, è la partita secca dei play-out, in casa, contro la Pro-Collegno. Bisognerà assolutamente fare l’impresa per salvarsi.

 

 

Federico Lanza

 

Webagency Torino